Archivi categoria: Uncategorized

Cordoglio per la scomparsa di Toni Canal

Antonio (Toni) Canal

Il Circolo Pd di Farra di Soligo si unisce al cordoglio dei vittoriesi per la morte di Toni Canal, storico esponente del partito nonchè sindacalista dello Spi Cgil. In passato collaborò anche con l’organizzazione delle Feste dell’Unità del Quartier del Piave e della Vallata.

Ricordando il partigiano Marino Zanella: serata con Daniele Ceschin

Il partigiano Marino Zanella “Amedeo”

Nel 75esimo anniversario della morte del comandante partigiano Marino Zanella (Amedeo), l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI) organizza una serata con lo storico Daniele Ceschin per raccontare la storia della Resistenza nel territorio e i fatti che portarono alla sua uccisione.

La conferenza si terrà a Segusino (paese d’origine del partigiano) venerdì 24 gennaio, alle 20.30, in sala Zancaner.

Come ogni anno, ci sarà la cerimonia di commemorazione nel cimitero di Pieve di Soligo (luogo della fucilazione): domenica 26 gennaio alle ore 11.30.

Tutta la cittadinanza è invitata.

Lapide commemorativa sul muro del cimitero di Pieve di Soligo ove vennero fucilati i partigiani

I cambiamenti climatici in Veneto: serata con Andrea Zanoni

Il Circolo Legambiente di Sernaglia e la ONLUS Impegno e Azione hanno organizzato per giovedì 23 gennaio, alle ore 20.30, presso la sala polifunzionale di Sernaglia della Battaglia, un incontro con il consigliere regionale del Partito Democratico Andrea Zanoni. Si parlerà dei cambiamenti climatici in Veneto e delle politiche per migliorare la sostenibilità ambientale.

L’incontro è aperto a tutti.

Ambiente e sostenibilità al centro delle riflessioni del Partito Democratico nel Quartier del Piave

La parlamentare europea Alessandra Moretti a Pieve di Soligo

Sono state due giornate di grande impegno politico e culturale quelle che si sono svolte venerdì e sabato scorso a Pieve di Soligo. La due giorni, organizzata in collaborazione con i Circoli Pd di Farra e di Pieve di Soligo, ha visto avvicendarsi importanti esponenti politici.

Venerdì 29 novembre è intervenuta Alessandra Moretti che racconto il suo impegno in parlamento europeo per valorizzare il ruolo della donna in politica e per combattere l’inquinamento nelle politiche dei trasporti europee.

Molto interessante è stata anche la relazione del sottosegretario all’ambiente Roberto Morassut intervenuto nella mattinata di sabato 30 novembre. L’onorevole ha denunciato la doppia identità dell’Italia: leader in diversi campi della green economy e ai primi posti per danni ambientali ed eccessi annuali di inquinamento. Ha quindi presentato una serie di proposte di politica fiscale per far progredire il Paese in questo campo.

Le iniziative hanno visto una buona partecipazione di pubblico e di democratici del Quartier del Piave.

Il segretario provinciale del Pd Giovanni Zorzi, Matteo Favero (responsabile ambiente Pd provinciale) e Laura Puppato
Il consigliere regionale Andrea Zanoni con la segretaria del Circolo Pd di Farra Maria Luisa Battista

Migliaia di “sardine” in piazza. Treviso un po’ meno leghista

La manifestazione di sabato 30 novembre 2019 in piazza Borsa

E’ stata un grande successo la manifestazione delle “sardine” che si è tenuta ieri in Piazza Borsa a Treviso. Una manifestazione contro l’odio diffuso dalla politica populista per riaffermare i valori costituzionali. In molti del Partito Democratico hanno aderito a questo pacifico e forte momento di partecipazione democratica.

A Pieve di Soligo gli stati generali dell’ambiente e della sostenibilità del Partito Democratico

La locandina della ricca iniziativa

Saranno a Pieve di Soligo gli stati generali dell’ambiente e della sostenibilità della Marca organizzati dal Partito Democratico. Una due giorni davvero ricca di interventi di rilievo, come si può vedere nella locandina, che si svolge in un territorio dove la questione ambientale è al centro della cronaca quotidianamente dopo il riconoscimento Unesco per le colline del Prosecco. Tutti sono invitati a partecipare.

Assemblea dei Circoli Quartier del Piave e Vallata

Gli iscritti e i simpatizzanti del Partito Democratico dei Circoli del Quartier del Piave e della Vallata sono invitati all’assemblea che si terrà:

mercoledì 6 novembre, alle ore 21.00, nella sala riunioni di Farra di Soligo

Alla riunione sarà presente il segretario provinciale del Pd Giovanni Zorzi.

Cordoglio per la scomparsa di Stefania Buzzi

Stefania Buzzi, 51 anni

Il Circolo del Partito Democratico di Farra di Soligo esprime sentitamente il proprio cordoglio per Stefania Buzzi, segretaria del Pd di Conegliano, venuta a mancare ieri notte. Mancherà alla città di Conegliano e a tutti una figura di esempio per la partecipazione civile e di entusiasmo per la politica.

L’accordo sul caso PIP in consiglio comunale: la posizione del Partito Democratico e di Rifar Farra

Il Partito Democratico e la Lista Civica Rifar Farra, rappresentati dalla consigliera comunale Natalina De Rosso, hanno espresso con forza la propria contrarietà all’accordo proposto dalla maggioranza al Consiglio Comunale di Farra di Soligo nella seduta del 16 settembre 2019.

Ecco il discorso di Natalina De Rosso che spiega la posizione del gruppo:

Vent’anni di controversie…. vent’anni di inadempienze da parte degli amministratori che si sono succeduti, primo fra tutti Francesco Arman Sindaco di Farra di Soligo dal 1987 al giugno 2004 che con i suoi consiglieri ha voluto approvare dei Piani di Insediamenti Produttivi nonostante la ferma opposizione di cittadini e consiglieri comunali ancora oggi impegnati nel nostro gruppo Rifar Farra….. ma anche di quelli in carica successivamente da quando i ricorsi hanno iniziato a dar per così dire “torto” al Comune e ragione agli espropriati.

In passato solo perché una delle parti in conflitto era un Ente Pubblico era quasi scontato l’esito della controversia….. poi ad un certo punto le leggi cambiano….. in Europa i privati cittadini sono rispettati a tal punto che se un Ente pubblico non riesce a chiudere una controversia viene condannato a pagare.

Ma in Comune di Farra si è preferito resistere, resistere ad ogni costo, proprio ad ogni costo, viste le ingenti spese legali sostenute finora!

Siamo stati pignorati una prima volta e la reazione è stata chiamare a raccolta cittadini, amministratori pubblici per gridare allo scandalo: “Un Comune che non possa più disporre dei propri soldi per la caparbietà di alcuni privati e dei loro avvocati?”

Poi il secondo pignoramento, e qui è calato il sipario e il silenzio, in fondo le elezioni erano alle porte, che problema c’era se per 8/9 mesi il Comune non avrebbe più pagato e onorato i propri impegni?

Ma ora siamo arrivati al dunque! Sono bastate le elezioni amministrative per sbloccare tutto? Tutti i gruppi avevano nel loro programma quello di sanare la controversia….. ma il gruppo che attualmente amministra ha deciso di procedere in assoluta autonomia dato che i numeri in consiglio comunale glielo permettono. Sono rimasti inascoltati i miei appelli con i quali chiedevo il coinvolgimento di tutto il consiglio comunale nella soluzione di questa controversia, almeno nelle persone dei capigruppo!

Stasera dobbiamo prendere atto e votare un accordo che non conosciamo nei particolari? Ma le trattative erano e dovevano restare riservate, mi è stato risposto….. la nostra presenza avrebbe inficiato l’esito? E’ stato come se solo la maggioranza avesse l’interesse a chiudere l’accordo; come se non fosse interesse di tutti i cittadini e dei loro rappresentanti. Risolvere l’annosa questione stava al di sopra di una lista o di un colore politico e ora non posso approvare quello per il quale siamo stati ostinatamente tenuti fuori e all’oscuro!

Il sindaco rende conto al Prefetto, al Procuratore della Corte dei Conti, acquisisce pareri legali di professori milanesi. E noi chi siamo per chiedere di essere coinvolti? Siamo rappresentanti dei cittadini con la stessa dignità di chi è in maggioranza! “Sarò Sindaco di tutti” aveva chiosato nel primo consiglio comunale, ma forse di tutti meno 26 persone che hanno avuto la sfrontatezza di candidarsi e che ora debbono restare escluse da tutto!

Vent’anni di controversia e saldare tutto in un anno? Alla Lega Nord sono stati concessi 75 anni per sanare il debito con lo Stato per 49 milioni di rimborsi elettorali……

Oggi, ai cittadini che hanno già pagato solo negli ultimi 5 anni più di mezzo milione di euro in spese legali, si chiede di pagare un milione e 800 mila euro per coprire la differenza fra quanto verseranno gli assegnatari e quanto devono ricevere gli espropriati!

L’accordo inoltre prevede anche il pegno nelle azioni Asco Piave, ma solo come sicurezza, se per caso il Comune dovesse trovarsi in “sofferenza” ma mi si dice che non sarà così… che non si corre nessun pericolo….. Però non tutti gli assegnatari hanno aderito, il 9% dei crediti non sono contemplati in questo accordo.

In conclusione voterò no a questo accordo per due motivi:

1) Perché è l’ennesimo prelievo dalle tasche dei cittadini dopo aver trascinato colpevolmente le cause per anni;

2) Perché non abbiamo sufficienti elementi per pensare che non si sarebbe potuto fare meglio, poiché siamo stati tenuti all’oscuro, le direttive sono state date dalla Giunta a metà agosto dopo che in giugno e luglio nei fitti incontri erano già stati presi gli accordi. Sarà questo che andate ad approvare l’accordo risolutivo? Un giorno forse qualcuno scriverà un libro su questa vicenda e scoprirà di certo che è stata una storia di cattiva amministrazione che noi denunciamo da anni e che continueremo a farlo.